APPRENDO SE...
Sono attratto e trovo risposta ai miei bisogni
APPRENDO SE...
Faccio esperienza
APPRENDO SE...
Sono protagonista
APPRENDO SE...
Coopero e interagisco con gli altri
APPRENDO SE...
Mi diverto e mi sento libero
APPRENDO SE...
Mi sento parte di un gruppo
APPRENDO SE...
Sono emotivamente coinvolto
APPRENDO SE...
Posso sbagliare
APPRENDO SE...
Le differenze sono una risorsa
APPRENDO SE...
Vivo esperienze multisensoriali
APPRENDO SE...
Ho dei modelli di riferimento
APPRENDO SE...
I saperi sono intrecciati
APPRENDO SE...
Appartengo ad una comunità
APPRENDO SE...
Amo l’ambiente in cui mi trovo
APPRENDO SE...
Sono a contatto con la Natura
Previous
Next

Il Manifesto Pedagogico

L’apprendimento si attiva se ciò che viene proposto è attraente e significativo per chi apprende

Interiorizzo e apprendo concetti, idee, comportamenti
che considero attraenti e significativi, solo se rispondono ai miei personali e irripetibili bisogni e desideri.

L’apprendimento è una conseguenza dell’esperienza

Si diventa autonomi quando si sperimenta l’autonomia, responsabili quando si assumo responsabilità, importanti quando si sente di essere importanti per qualcuno.

I ragazzi e le ragazze sono le più ricche e preziose risorse del processo di apprendimento

Ragazzi e ragazze hanno un vasto patrimonio di esperienze, punti di vista, saperi, sensibilità, sentimenti e competenze. Valorizzare pienamente questi aspetti è condizione essenziale per raggiungere il successo formativo

L’apprendimento è un processo cooperativo ed interattivo

Si impara molto di più quando ci si impegna in un processo di apprendimento con altri e quando ci si aiuta in questo processo; imparare da soli è raro, difficile e dispendioso

L’apprendimento è attivato da benessere e libertà

Apprendo se mi diverto, se sento piacevole ciò in cui vengo coinvolto/a e mi sento libero/a di pensare, dire, agire. Non esiste apprendimento senza desiderio e consenso

Il gruppo è un potente dispositivo per l’apprendimento

Il sentimento di appartenenza, l’«essere con», il «sentirsi con», sono acceleratori del processo di apprendimento e sostengono la motivazione ad apprendere

L’apprendimento è un processo cognitivo ed emotivo

Ognuno sente e percepisce almeno quanto pensa, e quando dimensioni cognitive e vissuti emotivi sono in armonia, l’apprendimento è molto più efficace

L’errore è necessario per attivare il processo di apprendimento

L’errore è la testimonianza che sto iniziando ad imparare. Se si sbaglia si apprende: non esistono successi o insuccessi ma solo apprendimenti

Si apprende se le differenze sono un valore

Non si impara da ciò che è uguale a me, ma da ciò che è diverso da me; le differenze sono ricchezze di possibilità

L’attivazione di tutti i sensi è un presupposto del processo di apprendimento

Apprendo se vivo esperienze multisensoriali.
«I nostri primi maestri di filosofia sono i nostri piedi, le nostre mani, i nostri occhi» – J.J.Rosseau

Si apprende osservando modelli di comportamento

Adulti e compagni possono svolgere un importante ruolo di riferimento; possono indicare, attraverso l’esempio, modi di pensare, di agire, di relazionarsi

Si apprende se i saperi che mi vengono presentati sono in dialogo tra loro

Le conoscenze risultano «vive» e autentiche se sono tra loro intrecciate, inter-connesse, collegate, non separate

L’apprendimento diviene significativo quanto più è situato in un contesto di relazioni

L’apprendimento non è un processo astratto e decontestualizzato ma avviene dentro un territorio, una comunità, una rete di relazioni famigliari e sociali

L’apprendimento è amplificato se gli spazi e i luoghi dell’apprendere sono curati

Apprendo meglio se mi trovo in un ambiente aperto, flessibile, bello, personalizzabile e ricco di potenzialità

L’apprendimento si nutre della Natura

Apprendere a contatto con l’ambiente, la terra, gli elementi naturali risponde a bisogni antropologici e ancestrali

La scuola

La Scuola sarà attiva a settembre 2021 e avrà sede a Corte Maddalena (Comune di Curtatone), una realtà molto vicina alla città ma immersa nella serenità dell’ambiente rurale, uno spazio circondato da dodici ettari di terra, da frutteti e dalla magia della campagna.

Sarà un ambiente che andrà OLTRE la struttura fissa della classe, proponendo una pedagogia del luogo e degli spazi, dove ragazzi e ragazze potranno sperimentare, fare esperienze, imparare facendo. 

L’edificio principale e lo spazio polivalente che verranno ristrutturati appositamente per la realizzazione di questo progetto, sono stati studiati per essere accoglienti, ecologici e coerenti con l’ambiente naturale circostante. Nell’edificio principale, che ospiterà la scuola e gli ambienti per l’apprendimento, si è cercato di ricreare spazi confortevoli e “caldi” di incontro e socializzazione; lo spazio polivalente sarà anche luogo per le arti espressivo-creative dove concretizzare proposte aperte alla comunità.

La natura e l’ambiente agricolo non saranno solo elementi decorativi ma veri e propri contesti per crescere attraverso esperienze all’aperto, inspirate all’outdoor education.

La Mantua Farm School intende offrire al territorio mantovano spazi e occasioni per ripensare l’apprendimento scolastico e l’azione educativa attraverso proposte di formazione rivolte ad insegnanti ed educatori ed esperienze innovative in rete, cooperazione con altre agenzie educative.

Render: INGEA34 Studio Associato

Il Progetto nasce sulla scia dell’esperienza milanese di Artademia e delle scuole d’ispirazione montessoriana, sparse in tutto il mondo, denominate “Farm School”.

Il progetto si propone di portare sul territorio mantovano un approccio educativo e didattico innovativo per adolescenti

Un modo diverso di apprendere, UNA SCUOLA-NON SCUOLA attenta alle potenzialità dei ragazzi e delle ragazze, per sviluppare le competenze necessarie per affrontare le sfide del futuro.

Il Progetto Mantva Farm School è promosso dalla cooperativa sociale Ippogrifo, finanziato da Fondazione Cariplo tra i progetti Emblematici Maggiori 2018 .